Una ditta deve assumere un dipendente. I due dirigenti si chiedono che tipo di domanda porre ai candidati.
“Io farei una domandina facile, giusto per metterli a loro agio!”
“Va bene, li faremo contare fino a 10!”
Arriva il primo candidato. E l’esaminatore dice: “Buongiorno, conti fino a dieci, per favore.”
“Due, quattro, sei, otto, dieci.”
“Ma no! … Con tutti i numeri!”
“Sa, io sono un postino, e faccio il lato con i numeri pari, per me adesso esistono solo quelli!”
“D’accordo …, vada pure!”
Arriva il secondo candidato: “Conti fino a dieci, per favore!”
“Uno, tre, cinque, sette, nove.”
“Ma no!… Con tutti i numeri!”
“Sa …, io sono collega di quello di prima, solo che faccio l’altro lato della strada, quello dei numeri dispari e per me esistono solo quelli!”
“Va bene, vada!”
Arriva il terzo candidato:
“Per caso anche lei è postino?”
“No, ci mancherebbe … io lavoro in Comune!”
“Oooh, meno male … conti fino a dieci, per favore!”
“Asso, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, fante, donna e re!”

Nella pagina trovi 10 sui mestieri e i lavori. Dottori, avvocati, muratori, maccanici e altri, visto in modo umoristico. ⚙️

Barzellette sul lavoro e i mestieri

All’esame per addetti alla sicurezza (legge 626/94):
“La sua azienda ha il ‘piano di emergenza’?”
“Magari!!!, è vecchia, ha solo il piano terra e il primo piano!”

Un vigile a un semaforo ferma un automobilista che passa nonostante il semaforo lo vieti e dice: “Perché è passato con il rosso?”
E l’automobilista: “Scusi ma sono daltonico!”
E il vigile arrabbiato: “Eh, dite tutti che siete forestieri!”

In un ufficio circoscrizionale si presenta un principe ormai decaduto che deve rinnovare la carta d’identità. L’impiegato gli fa le solite domande:
“Nome?”
“Ubaldo.”
“Cognome?”
“Serbelloni Mazzanti.”
“Professione?”
“Principe.”
“Altezza?”
“Oh la prego… mi chiami pure Ubaldo!”

Un dentista al paziente: “Questo dente è morto, vuole che le faccia una corona?”
Il paziente: “No, preferisco una sepoltura senza cerimonie.”

Un uomo chiede a un : “A quanto ammonta la sua parcella, solitamente?”
L’avvocato: “Sono 2000 euro a domanda.”
L’uomo: “Non le sembra un po’ eccessivo?”
L’avvocato: “No, affatto! Qual è la sua terza domanda?”

Un ragazzo va dal barbiere e gli chiede il seguente taglio: “Rasato a sinistra, ciuffo obliquo a destra, a spazzola in basso e con un buco sulla nuca ma lasciando qualche ciuffo più lungo qua e là”.
Il barbiere risponde: “Non è possibile fare un taglio del genere!”
E il ragazzo: “Ah no? ma se è quello che mi hai fatto l’ultima volta!”

Una signora va dal gastroenterologo: “Dottore, non vado bene di corpo!”
Il : “Perché, di faccia sì?”

Come si fa a riconoscere un ginecologo in un congresso medico?
E’ l’unico che porta l’orologio sull’avambraccio.

Un venditore, un’impiegata amministrativa e un dirigente sono a pranzo.
Trovano una lampada e la sfregano. Compare cosi un Genio che dice loro: “Solitamente esaudisco tre desideri, quindi ne concederò uno a testa”.
L’impiegata allora inizia a gridare: “Io, io! Sono io la prima!

Voglio stare alle Bahamas, con un motoscafo superveloce, senza preoccupazioni, godendomi solo quanto di bello c’è nella vita!”, e nel giro di un secondo sparisce.
Il venditore allora si fa avanti e dice: “Ora tocca a me! Io voglio vivere alle Maldive, godermi la spiaggia, il mare e il sole, circondato dall’amore di una stupenda fanciulla!”, e sparisce anche lui.

Il Genio si rivolge poi al dirigente dicendo: “Ora tocca a te.”
E il dirigente: “Rivoglio quei due cretini in ufficio subito dopo la pausa pranzo!”.
MORALE: Lasciate SEMPRE parlare prima il vostro CAPO!

Vuoi votare queste barzellette?

0
Barzellette sul lavoro n5

Esprimi il tuo voto su queste barzellette dedicate al , il dottore, avvocato, muratore, , è cosi via. Visto in modo umoristico.

4 risate con uno dei nostri video divertenti

Le armi son pericolose, ma in mano a uno inesperto…

Curiosità dal mondo.

Lo sapevi che....
Halloween
Halloween
In origine in Irlanda ed in Scozia durante le celebrazioni di Halloween non si usavano zucche ma delle rape. Dalla metà del 1800 hanno iniziato ad intagliare rape per creare delle lanterne che servivano a ricordare le anime dei defunti “maledetti”