Un pazzo viene sottoposto ad un colloquio periodico per verificarne il recupero per l’eventuale rilascio.

Domanda:
– Se tu potessi uscire da qui cosa faresti?

Risposta:
– cerco una bicicletta, smonto una ruota, prendo la camera d’aria e mi faccio una fionda!

Ovviamente c’è ancora molto da fare per cui si decide di continuare il ricovero.
Passano sei mesi e nuovamente il pazzo viene sottoposto al colloquio.

Domanda (come in precedenza):
– Se potessi uscire da qui cosa faresti?

Risposta:
– Rubo un’auto, vado in un luogo nascosto, smonto una ruota, tiro fuori la camera d’aria e mi faccio l’elastico per una fionda!.

Evidentemente non è ancora idoneo per il rilascio.
Passa oltre un anno e viene nuovamente sottoposto al colloquio.

Il pazzo nel frattempo aveva pensato ad uno strattagemma per convincere gli esaminatori della sua guarigione e alla domanda:
– cosa faresti se potessi uscire da qui?

Risposta:
– Vado in centro, cerco una bella ragazza, la seguo, e appena è in un luogo isolato le sbottono la camicette, le tolgo il reggiseno, le tolgo le mutande……

Gli esaminatori:
– e poi?

Risposta:
– prendo gli elastici e mi faccio una fionda!!!!

Nella pagina trovi 10 barzellette divertenti, battute e citazioni sui matti e il mondo dei pazzi. 😱

Barzellette sui matti e sul manicomio

In un paesino arriva un tipo alla guida di una splendida mercedes nuova.
Si ferma in piazza della chiesa ed in breve tempo attorno al veicolo si raduna un gruppo di persone che si spertica in complimenti per la bellezza dell’auto.
Più di tutti si scatena il menomato del villaggio.


Il conducente, per premiarlo lo invita a fare un giro in macchina.
Partono e come ovvio l’ospite comincia a far domande ed esprimere complimenti.
Dopo un po’ la fatidica domanda “cosa serve la stella che c’è sul cofano”.
Il conducente dice che quella stella era una specie di mirino per ammazzare le persone…..


Come esempio gli indica un operaio che stava lavorando e gli dice che lo avrebbe inquadrato nel mirino e lo avrebbe certamente preso, nel proferire queste parole manda su di giri il motore per emozionare l’ospite, ma giunto a pochi metri con un colpo di sterzo evita abilmente l’investimento… immediatamente però sente un forte colpo… la portiera era stata aperta dallo scemo per colpire in pieno l’operaio, e che aggiunge:

– LA MACCHINA E’ NUOVA E NON SEI ANCORA TANTO PRATICO… SE NON C’ERO IO NON LO PRENDEVI!

C’è un pazzo in un manicomio che non sa distinguere le parti del corpo.

Dopo un mese di cure i dottori decidono di fargli visita e gli fanno alcune domande riguardanti il corpo.

I dottori rimangono impressionati dal suo miglioramento e così gli chiedono come abbia fatto.

Il matto indicando la testa:
– è tutta una questione di fegato!

I miei figli guardano la Tv dieci ore al giorno.
– Non temi per la loro salute mentale?
– Per niente, la Tv è spenta.

Meno male che parlo con i nanetti in giardino.
Altrimenti con questo caldo, impazzirei!

Un uomo va dallo psichiatra: “Dottore, tutte le notti faccio lo stesso terribile sogno: mi trovo davanti a una porta con sopra un cartello. Tiro, tiro, tiro con tutte le mie forze, ma non riesco in nessun modo ad aprirla!”
“Ma cosa c’è scritto sul cartello?”
“Spingere!”

In un manicomio molto affollato arriva un nuovo paziente con la fissazione di essere una moto. Il direttore chiama un paziente cui mancano solo pochi giorni e gli comunica che dividerà la stanza col nuovo arrivato.


La mattina dopo il paziente ‘veterano’ va dal direttore e gli chiede per favore di essere spostato.
Il direttore dice: “Mi dispiace non abbiamo altre stanze, lo so che è fastidioso stare tutto il giorno e la notte con uno che fa sempre broom broom, ma tu sei guarito, tra due giorni esci, cerca di resistere!”
E il paziente: “Dottore, il rumore lo sopporto, ma è il fumo che non riesco a reggere!”

Due matti parlottando per strada scorgono su nel cielo un aeroplano, con la sua consueta striscia di fumo bianco dietro di sé.
Vedendo l’aereo, uno dei due pazzi chiede all’altro: “Ma secondo te… un aereo… a che velocità può andare?”
L’altro pazzo esclama con tono dubbioso: “Mah… 800, 1000 kilometri all’ora…”
E il primo: “Eh sì, mo’ VOLA!!!!

Un uomo vestito da Napoleone va dallo psichiatra accompagnato dalla moglie.
“Qual è il suo problema ?”, gli chiede il medico.
“Ah, io di problemi non ne ho”, risponde l’uomo. “Sono famoso, ho un esercito ai miei ordini, ho tutto il denaro che mi serve e vivo nel lusso”.
Lo psichiatra: “Mi scusi, ma allora perché è venuto da me?”
E l’uomo: “Sono qui solo per mia moglie, che è convinta di essere la signora Russo!”

Sergio va dalla psichiatra.
Il dottore: “Ciao, Sergio, anche stavolta hai corso nudo per tutta la città con addosso solo i calzini?”
Sergio: “Sì, purtroppo!”
Il dottore: “E anche sta volta non ti sei sentito in imbarazzo?”
Sergio: “Stavolta sì, avevo un calzino bucato!!”

Vuoi votare queste barzellette?

0
Barzellette sui Matti n6

Esprimi il tuo voto su queste storielle e barzellette divertenti sui matti, su chi viene chiamato pazzo e chi diciamo sia da manicomio o ospedale psichiatrico.

4 risate con delle foto assurde e divertenti

Curiosità dal mondo.

Lo sapevi che....
La bevanda
La bevanda
La bevanda solitamente ottenuta dalla fermentazione del malto di orzo ed aromatizzata dal luppolo conosciuta con il nome di Birra viene prodotta da migliaia di anni. La prima testimonianza di produzione di questa bevanda risale a circa 7000 anni fa