Coppia di coatti in spiaggia a Porto Cervo:
Lui: “Amo’, ma ‘naa vedi che acqua! A Ostia manco da li rubinetti esce così!”
Scena vista in pizzeria:
Commesso (dopo aver tagliato la pizza): “La magni?”
Cliente: “No, esco fòri e ‘a butto!”.
Al semaforo di Viale Aventino:
Il primo della fila non si decide a partire e quello dietro gli urla: “‘Ahò, quann’esci dar coma facce ‘na telefonata!”.
Due amici al mare, uno di Ostia e l’altro di Fiumicino, muoiono di caldo e decidono assieme di andare a fare il bagno. Al momento di entrare in acqua il ragazzo di Fiumicino nota che quello di Ostia non sa nuotare e gli urla sbeffeggiante: “Ahooò, sei pòpo ‘n’idiota. Sei de Ostia e nun sai nòtà?”
E il ragazzo di Ostia prontamente gli risponde: “Perché, te che sei de Fiumicino sai volà!?”

Nella pagina trovi 10 barzellette divertenti e battute sulle persone e sulla gente. 🥂

Barzellette con persone e la gente

Coppia di coniugi, lei rimane affascinata davanti alla vetrina di una gioielleria e, guardando il marito, dice: “In cinquant’anni non mi hai comprato niente!”
“Veramente non sapevo che tu ci avessi qualcosa da vendermi!”

Un genovese torna a casa con una bottiglia di cognac nella busta della spesa. Le scale sono poco illuminate, a un tratto scivola, cade e batte la schiena. Si rialza dolorante, porta la mano alla parte che fa male, sente qualcosa di bagnato ed esclama: “Speriamo che sia sangue!”

Roma. Due amici si incontrano per uscire insieme. Uno dei due indossa una camicia giallo limone.
L’altro: “Che, ‘ttte sei travestito da evidenziatore??”

Napoli.

Sale su un autobus una signora molto grassa con in mano un cestino pieno di pulcini. A causa di uno scossone perde l’equilibrio e i pulcini le cadono a terra. Allora inizia a chinarsi per raccoglierli, però tutti quei piegamenti le fanno partire una enorme scoreggia. A quel punto le si avvicina un signore che sussurra: “Fate bene signora, i pulcini che non potete prendere … sparateli!”

Una coppia inglese entra in un bar di Napoli.
Il cameriere chiede loro cosa desiderano.
La donna dice: “Io vorrei un tè, per favore.”
Il marito dice: “Anch’io vorrei un tè, ma mi raccomando che la tazza sia pulita!”
Il cameriere allora ordina al barista: “Due tè. Uno dei due in tazza pulita!”

A Milano i vigili fermano i motorini con la paletta.
Noi a Palermo usiamo le fionde.

Due amici si recano a Mosca per turismo. Durante il viaggio uno dei due esterna all’altro le proprie preoccupazioni derivanti dall’assoluta ignoranza della lingua russa; l’altro lo tranquillizza:
“Non ti preoccupare; il russo è uguale all’italiano; basta aggiungere il suffisso -OSKI o -ESKI a tutte le parole italiane e loro ti capiscono perfettamente!”.

Infatti, la sera vanno al ristorante e iniziano a ordinare: “Allora: cavialOSKI e salmoneSKI!”.
Il cameriere torna con piatto di caviale e uno di salmone.
“Hai visto che funziona!?”, dice il tizio all’amico.
“CamerierOSKI!! Due piattoSKI di storionoSKI e un vinoSKI biancoSKI!”.
E, incredibilmente, arrivano lo storione e il vino bianco.

“Visto?! Che ti dicevo? Non ci sono problemi con il russo!”
E continuano a ordinare in questo modo. Alla fine dicono: “CamerierOSKI! Il contOSKI!”.
Il cameriere porta il conto e dice: “Ecco il conto!” E il tizio, tutto soddisfatto, dice all’amico: hai visto che è come ti dicevo io? Allora il cameriere lo tocca di dietro e gli dice: “Paisa’! s’un c’era io, ti mangiavi nientOSKI!”

Il rumeno è come il colesterolo: c’è quello buono e quello cattivo.

Un tizio va dall’affittacamere per liquidare il conto dopo un anno di permanenza.”Ecco questi sono i soldi e le chiavi…

Adesso mi direbbe per favore dove potrei trovare un centinaio di scarafaggi?”. “Un centinaio di scarafaggi? E a cosa le servono?” domanda quello stupito. “Beh, sa… ho letto il regolamento della casa e dice di lasciare la stanza esattamente come l’ho trovata…”.

Vuoi votare queste barzellette?

0
Barzellette sulle persone n6

Esprimi il tuo voto su queste storielle e barzellette divertenti sulle persone e sulla gente.

Foto di mostri ispirati dalla natura

Curiosità dal mondo.

Lo sapevi che....
Charlie Chaplin
Charlie Chaplin
Nel 1915 Charlie Chaplin, ha partecipato ad un concorso dei suoi sosia sotto falso nome ed è arrivato solamente terzo